Pastiera napoletana.

pastierajpg

La pastiera è il tradizionale dolce pasquale caratteristico della pasticceria casalinga napoletana, probabilmente inventato in un monastero napoletano, dove alla crostata di ricotta fu aggiunto grano e fiori d’arancio.

INGREDIENTI:

Per la pasta frolla:

400 grammi di farina 00

140 grammi di zucchero

200 grammi di burro

3 uova

Per il ripieno:

6o0 grammi di ricotta

400 grammi di grano cotto

500 grammi di zucchero

100 grammi di canditi

25 grammi di burro

1 decilitro di latte

4 uova e 2 tuorli

1 bustina di vanillina

1 cucchiaio di acqua di fiori d’arancio

1 limone biologico

PROCEDIMENTO:

PREPARARE LA FROLLA.

  1. In una terrina abbastanza spaziosa amalgamare bene il burro a pezzetti e lo zucchero.
  2. Aggiungere la farina continuando ad impastare e poi le uova (se necessario aggiungere un cucchiaio di latte).
  3. Avvolgere in una pellicola e far riposare in frigorifero per 30 minuti circa.

PREPARARE LA FARCIA.

  1. Grattugiare la scorza del limone.
  2. In una pentola unire il grano cotto, la scorza del limone grattugiata, il latte, il burro e fare cuocere per 10 minuti circa mescolando, facendo attenzione a non fare attaccare.
  3. In un frullatore, frullare la ricotta, lo zucchero tutte le uova e i tuorli, la vanillina e l’acqua di fiori d’arancio.
  4. Spostare in una terrina ed aggiungere i canditi a dadini (se non siete sicuri se tutti li gradiscono potette tritarli finemente con un tritatutto elettrico, così non si vedranno), una spolverata di buccia di limone e il grano cotto amalgamando bene.
  5. Imburrare ed infarinare una tortiera di circa 25 cm di diametro.
  6. Stendere la frolla con il matterello e foderare la tortiera.
  7. Mettere la farcia all’interno, livellare, ripiegare i bordi della frolla.
  8. Con la frolla avanzata fare delle striscioline da sistemare a grata sulla farcia.
  9. Infornare a 180 gradi per 50 minuti circa, facendo attenzione alla cottura (la pastiera è pronta quando assume un colore ambrato).

Degustare almeno 12 ore dopo la cottura.

 

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *